Pages Menu
Seguici suRssFacebook


mercoledì 21 novembre 2018 20:09
Categories Menu

Posted by on ott 24, 2018 in Articoli | 0 comments

Peccato che non avremo mai figli 

di Giuseppina La Delfa

Aut Aut Edizioni

euro 15,00

A cura di Olga Mammoliti Severi  

Un romanzo toccante che racconta la storia d’amore tra Giuseppina, autrice del libro e Raphaelle. Un amore nato negli anni ’80 in un liceo francese di Torcuing. Giuseppina è figlia di emigrati siciliani, mentre Raphaelle proviene da una famiglia borghese. In nome di quel sentimento forte e profondo, pur giovanissime e senza soldi, le due giovani, infatti, sfidando ogni difficoltà, trovano la forza di opporsi alle proprie famiglie lasciando la loro città di origine, superando il pregiudizio fino a trasformarlo in una meravigliosa storia d’amore. Due donne indipendenti che non cederanno mai il passo alle sofferenze nè si lasceranno spaventare dai sacrifici. Giuseppina sapeva che impegnarsi nello studio  le avrebbe salvato e cambiato  la vita, per questo inizia a studiare lettere. I suoi genitori, invece, non capivano questa sua passione e dedizione allo studio anzi  “la guardavano come se provenisse da un altro mondo”. Si laurea in lingua e letteratura italiana con specializzazioni in letterature comparate e didattica delle lingue straniere. Oggi insegna francese all’Università di Salerno.

E così, tra viaggi e incontri, da Napoli all’Emilia, passando per Roma, Giuseppina e Raphaelle andranno alla scoperta di un nuovo mondo e nuove  realtà e capiranno  di non essere sole, ma anzi incontreranno tantissime donne che amano altre donne e uomini che amano gli uomini. Per questo, è riduttivo definirlo romanzo d’amore, è piuttosto un romanzo che descrive anni di dure battaglie affinchè vengano riconosciuti i diritti civili, da cui prendono il via i primi movimenti gay e le prime conquiste. Il titolo del libro racchiude un dolore iniziale, il desiderio nascosto di Giuseppina che fin da piccola desiderava avere dei figli tanto da vivere con commovente intensità la nascita di nipoti e figli degli amici, con l’amara consapevolezza, in cuor suo, che amando una donna, non avrebbe mai potuto avere dei figli. Eppure grazie al loro amore e alla loro caparbietà, Giuseppina e Raphaelle sono riuscite ad avere due meravigliosi figli, costruendo, pezzo per pezzo, è proprio il caso di dire, una famiglia. Una storia di speranza e di esempio anche e soprattutto per le generazioni future, che racconta la forza di due donne capaci di andare oltre ogni pregiudizio, sentendosi anche a volte sole, non comprese dalle rispettive famiglie e dagli amici, ma che hanno comunque sfidato la società senza mai fare un passo indietro.

Una storia che parte da un dolore ma ci regala il più bel lieto fine, in una società patriarcale e spesso bigotta dove ancora c’è chi pensa che il mondo omosessuale sia effimero e superficiale e dunque non meritevole di avere riconosciuti gli stessi diritti, dimenticando che devono essere garantiti ad ogni essere umano.  Giuseppina è fondatrice delle Famiglie Arcobaleno, di cui è stata Presidente per 10 anni. L’associazione  promuove, per la prima volta in Italia, il dibattito pubblico sull’omogenitorialità dando alla tematica visibilità pubblica.