Pages Menu
Seguici suRssFacebook


giovedì 14 Novembre 2019 0:55
Categories Menu

Posted by on Mar 14, 2019 in Articoli | 0 comments

Graziella Tonfoni. Donna scienziata, autrice di narrativa, oggi economista interdisciplinare.

Numerosi sono i profili online di Graziella Tonfoni e le biografie e le bibliografie pubblicate in volumi accademici, a documentare  una vita scientifica estremamente complessa, articolata, fitta, difficile, conquistata tassello per tassello, con un lavoro di osservazione e di analisi dei fenomeni da lei volta per volta considerati, costante, con passione altrettanto forte per la accuratezza e la precisione dei dati,  tanto concentrata la sua operatività negli anni e dislocata, da risultare a molti perfino incredibile.

Ma non è per riprendere temi relativi alle sue interdisciplinari ricerche svolte, pubblicate, insegnate, catalogate nella fase accademica, lasciate ai colleghi e colleghe, ma invece è per non dimenticare le sue potenti intuizioni e ideazioni precoci, da giovanissima che la portarono ad essere scelta da Annamaria Mammoliti e da Marisa Belisario, come  Antica Premiata Minerva Donna nella ricerca scientifica nell’anno 1984 a Roma.

Si ricordano i numerosi elenchi, le sue innumerevoli innovazioni e pubblicazioni avanzate realizzate nel periodo della sua attività di Ricercatrice presso Alma Mater Studiorum Università di Bologna 1983-2015, con le sue teorie e metodologie didattiche presentate e approvate nei più prestigiosi centri di ricerca internazionale, illustrate e insegnate per anni. Sono riferimenti presenti online digitando il nome e cognome, e navigando online in una mappatura di collegamenti interdisciplinari e anche in sintesi ricavabili presso:

https://magazine.unibo.it/archivio?q=Tonfoni+Graziella

Sono lavori scientifici solidi documentati anche in forma di diari e di epistolari allegorici, che riflettono quodianamente il costante e mai interrotto lavoro di analisi dei fenomeni osservati, i lunghi periodi di erogazione di conoscenze scientifiche in più sedi contemporaneamente. Con erogazione di conoscenze specialistiche, avviando la formazione accademica avanzata a Bologna ma anche  a Milano, anche a Roma,  e in numerosi altri Atenei nazionali e internazionali.

L’autrice oggi intende invece proporre una sintesi di quella che appare essere la ricerca più delicata e fragile, perché soggetta a tanti rischi personali, su temi impervii, che pochi studiosi osano trattare in modo completo, Graziella Tonfoni è una scienziata decisamente scomoda. Analizza e scrive infatti di problemi difficili, mai nasconde i risultati solidi che ne emergono anche quando sono e lo sono spesso decisamente in controtendenza, spesso deve ricorrere alla modalità allegorica, poetica e alla forma letteraria.

Evidenzia oggi i pericoli delle liquidità di giudizio, il malfunzionamento delle concettualizzazioni approssimative nell’era fluida di facebook, definisce il frastorno cognitivo attuale, segnala la difficoltà a distinguere fra reale e virtuale, in piattaforme valutative sospese fra finzione e ipercorrettismo. Si spinge a definire i fenomeni invisibili che si manifestano nelle nuove manifestazioni di erosione, di estorsione, di manipolazione etc. Spesso difficilmente distinguibili.

In sintesi pare che oggi Graziella Tonfoni intenda essere ricordata per avere avuto il coraggio di applicare la ricerca scientifica e la sua esperienza maturata nelle scienze cognitive, solida, anche a questi temi sgradevoli, disattesi, meno gratificanti e quindi spesso lasciati in disparte.

Aggiornamento complessivo attuale

[…] Graziella Tonfoni,http://www.scienze-ricerche.it/?p=2357 scienziata dell’ informazione, protagonista attiva fra i pionieri nelle fasi storicamente più significative nel settore delle Scienze Cognitive, della Linguistica Applicata all’ Intelligenza Artificiale, della  Didattica Multimediale, e dell’ Information Design, già dagli anni ottanta del secolo scorso, linguista, già ricercatrice e docente universitaria, già autrice di numerosi classici del pensiero informatico contemporaneo, è stata ideatrice e fondatrice, durante l’ intenso periodo della sua attività accademica (Tonfoni G.1983-2015) della Letteratura Computazionale divenuta voce enciclopedica stabile e solida (cfr. Enciclopedia Filosofica, 2006, Bompiani) in lingua italiana. Con il repertorio dei suoi saggi ormai classici, vasto, articolato, complesso, interdisciplinare (cfr. Afli-GT, Bononia University Press), si è resa possibile la conservazione di documenti scientifici, di testimonianze storiche, in quei settori della ricerca sicentifica e tecnologica, da lei attivamente praticati, così rapidi e accelerati, da rischiare spesso la perdita, la dissipazione di intere fasi e la conseguente dispersione di teorie particolarmente importanti  […]

[…] La narrativa e la saggistica, da lei concepite, realizzate, date alle stampe, nella sua fase post-accademica (Tonfoni G. 2016-2018), dimostrano come la scelta attuale, delle distanti sedi di pubblicazione, sia stata intenzionalmente diversa da ogni sua precedente. L’autrice, in questa fase di transizione delicata, ha inteso rivolgersi con la sue opere brevi e concise, le sue recensioni tecniche, a chi promuove la lingua, le arti, l’artigianato, la cultura, la scienza e la letteratura italiane, in aree geografiche da lei precedentemente non coinvolte o frequentate. Presentando i suoi titoli scelti, dell’annata 2018, la scienziata dell’informazione ha inteso proporre ai suoi lettori una Micro Economia Narrativa Italiana, coniando un nuovo termine, che sia inserito nelle enciclopedie, nelle citazioni bibliografiche, dai giornalisti, dai critici, dai filologi, che intendano assicurare una Macro Economia delle Letterature e delle Scienze Comparate solida e stabile. Ha lei stessa così dato avvio, con brevi saggi e una sintetica narrativa didascalica, al nuovo settore interdisciplinare dell’ Economia della Scienza e della Divulgazione […]

[…]  Nel pieno rispetto dei limiti e dei vincoli relativi alla sua attuale situazione post-accademica, l’ autrice svolge ricerca e la documenta nelle sue pagine, esclusivamente in modalità pro bono. Si rende disponibile, se sia invitata, interpellata, intervistata, ad esprimersi su temi attuali, presentando una prospettiva decisamente tecnica, laica, oggettiva. […]

[…] Con una narrativa che pare saggistica post-ideologica, affronta nuovi problemi di lessicologia, segnala gli errori interpretativi, dovuti a quella imprecisione comunicativa, che si materializza attraverso la pratica di termini spesso comunemente usati senza tenere conto delle modifiche di significato, degli slittamenti di senso, avvenuti impercettibilmente, durante l’epoca della interconnessione e della globalizzazione, da lei già denominata “era della globale confusione” […]

[…] La prospettiva che Graziella Tonfoni indica per l’ anno 2019, è articolata; ritiene, infatti, che si stia già avviando una nuova fase definibile come il periodo della concisa precisazione tecnica, dell’ accurata scelta delle notizie, della qualitativa selezione locale in vocabolari stabili e lessicologie comparate. In sintesi secondo lei si avvia ” l’epoca ed epica del riciclaggio ecologico dell’informazione e del compostaggio”, anche semplicemente indicabile come  “era post-facebook” […]

 

Post a Reply